apr

07

2010

Il tasso d’interesse.

Scritto da Luca Grilli

Tutte le volte che un cliente chiede un preventivo per un prestito, una cessione od un mutuo, la domanda ricorrente è: “qual è il tasso d’interesse?”. A questo punto occorre un chiarimento in quanto la legge prevede che in base alla modalità di calcolo si faccia riferimento a diversi indicatori che sono contraddistinti dalle seguenti sigle:

- TAN (tasso annuo nominale) che indica il tasso di interesse puro (ossia il prezzo), in percentuale e su base annua, richiesto per l’erogazione del finanziamento.
TEG (tasso effettivo globale) che fornisce elementi utili ad accertare se le condizioni di costo (spese, interessi e oneri di varia natura) delle operazioni creditizie praticate dalle banche e dagli intermediari finanziari presentano carattere usuraio. Viene comunicato trimestralmente dalla Banca d’Italia con riferimento alle varie operazioni creditizie, suddivise in categorie omogenee e per classi di importo.
TAEG (tasso annuo effettivo globale) che è in sostanza un indice del costo totale del credito a carico del consumatore e rappresenta lo strumento principale di trasparenza nei contratti di credito al consumo. Esso viene definito nella normativa come il tasso che rende uguali, su base annua i valori  attuali di tutti gli obblighi finanziari (prestiti, rimborsi e oneri) esistenti o futuri assunti dal creditore e dal consumatore.

Per quanto riguarda la cessione del quinto dello stipendio, di norma il TEG ed il TAEG dovrebbero praticamente corrispondere in quanto entrambi devono essere comprensivi di tutti i costi accessori (istruttoria e apertura pratica, incasso delle rate, polizze di assicurazione e oneri di intermediazione), ad eccezione degli oneri erariali che alle volte non vengono compresi nel calcolo del TEG.

Per cui nel valutare i diversi preventivi ricevuti, bisogna sempre avere chiaro quale indicatore di tasso è stato utilizzato, ed in particolare se vi viene comunicato il TAN sappiate che quasi sempre vi corrisponderà un TAEG più elevato, in quanto comprensivo delle altre spese inerenti il costo del finanziamento.